Effetti e Processori di segnale: De-esser

Read this page in English Read this page in English Lire cette page en Français
CDROM Corso Audio Multimediale Ti piace questo Corso?
Scarica la versione integrale!

Il termine de-essing indica l'operazione di eliminazione di quel fastidioso fruscio che si ha in certe registrazioni vocali in corrispondenza delle lettere con maggiore contenuto di alte frequenze come la 's'. Il fruscio dipende dal fatto che il segnale in quel momento satura alla frequenza della lettera 's' generando una distorsione. è immediato pensare ad un'equalizzazione alla frequenza incriminata per risolvere il problema. Questa soluzione non è tuttavia praticabile in quanto modifica il contenuto in frequenza dell'intera registrazione alterandolo irrimediabilmente. Per realizzare un corretto de-essing si ricorre all'uso di un compressore abbinato ad un equalizzatore secondo lo schema seguente:

Effetti e processori di segnale - Schema di un modulo De-esser

Schema di un modulo De-esser

Il funzionamento è il seguente: il segnale originario viene fatto passare in un equalizzatore in cui le 's' vengono evidenziate ancora di più mentre tutte le altre frequenze vengono attenuate al massimo.

Effetti e processori di segnale - Equalizzazione del segnale di ingresso

Equalizzazione del segnale di ingresso

Il segnale che esce dall'equalizzatore ha un'ampiezza rilevante solo in presenza delle 's'. Questo segnale viene spedito nell'ingresso sidechain del compressore con l'effetto di metterlo in azione solo in corrispondenza delle 's'. Dunque ogni volta che la 's' si presenta, il segnale uscito dall'equalizzatore supera la soglia fissata sul compressore che dunque entra in azione abbassando il volume della voce ed evitando la saturazione. Finita la 's' il volume della voce torna quello originario.








curve 

Leggi tutto sull'integrazione Audiosonica-Wikipedia Approfondimenti su Wikipedia

curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti