Operare nello studio di registrazione: La registrazione

Read this page in English Read this page in English Lire cette page en Français
CDROM Corso Audio Multimediale Ti piace questo Corso?
Scarica la versione integrale!

L'obiettivo durante la fase di registrazione è quello di registrare i segnali prelevati dalle sorgenti sonore il più fedelmente possibile ossia introducendo il minimo di alterazioni. Per questo motivo generalmente nessun effetto viene utilizzato in questa fase, essendo poi la fase del missaggio quella realmente dedicata alla manipolazione dei suoni. Per organizzare una sessione di registrazione occorre anzitutto disporre di un nastro magnetico opportunamente configurato. In buona sostanza ciò che serve nel caso dei registratori analogici è una traccia in cui sia presente un codice di temporizzazione (nei registratori digitali il riferimento per la temporizzazione viene generato automaticamente). Questo consente di sincronizzare tutti gli apparecchi su questo segnale che è il riferimento anche per la nostra registrazione. In questa sede ci basterà pensare di utilizzare un apposito generatore di codice di temporizzazione (timecode) e di registrarlo su una traccia (scegliamo la 24) del nastro magnetico ad un livello opportuno. A questo punto il nastro è pronto per la registrazione. Abbiamo detto in precedenza che un mixer può assumere due stati: stato di registrazione e di missaggio. E' il momento di vedere esattamente come si configura il mixer nei due stati. Quando un mixer si trova nello stato di registrazione, i collegamenti con il registratore multitraccia sono gestiti come mostrato nella figura seguente:

Operare nello studio di registrazione - Percorso del segnale audio durante la registrazione

Percorso del segnale audio durante la registrazione

Prendiamo un segnale microfonico che vogliamo registrare e che mandiamo sull'ingresso 1 del mixer. Il segnale entra nel canale principale (il suo livello è controllato dal fader più grande) e da questo viene assegnato al gruppo 1 il quale a sua volta è collegato alla traccia 1 del registratore. In questo modo il nostro segnale da registrare è arrivato sulla traccia del registratore. A questo punto dal registratore abbiamo anche un segnale di uscita dal canale 1 (che può essere una copia del segnale che ha ricevuto in ingresso oppure può provenire dal nastro registrato a seconda che la traccia si trovi in modalità input [Modalità Input ] o in modalità sync [Modalità Sync ] ). Il segnale che esce dal canale 1 del registratore arriva all'ingresso 1 del mixer, però stavolta entra nel canale monitor. Riassumendo, nel canale 1 del mixer abbiamo il segnale di ingresso proveniente dal microfono controllato dal fader più grande e un altro segnale nel canale monitor che proviene dal registratore. A questo punto possiamo metterci in una situazione reale e ragionare in modo più concreto. Come detto, il nostro obiettivo durante la fase di registrazione consiste nel fare arrivare alle tracce del registratore il suono più pulito possibile prelevato dalla sorgente sonora. Dunque sarà nostra cura fare in modo che nessuno stadio, attraversato dal segnale lungo tutto il percorso per arrivare al nastro, introduca distorsioni. Per questo il fader del canale principale percorso dal segnale di ingresso viene messo nella posizione 0 Vu (in questo modo il circuito associato al fader non interviene sia in attenuazione che in amplificazione e dunque non introduce distorsioni). Dal fader principale, il segnale viene trasferito su un gruppo dunque portiamo a 0 Vu anche il fader del gruppo. A questo punto agendo sul gain del canale e monitorando il segnale sui Vu-meter [Vu Meters ] del mixer portiamo il livello intorno a 0 Vu [18 ] (ricordiamo che stiamo registrando un segnale sonoro che dunque non avrà un'ampiezza costante, ma piuttosto un'ampiezza che oscilla intorno a un valore medio). Ripetendo questa operazione su tutti i canali su cui è presente un segnale siamo sicuri di registrare ogni segnale al livello ottimale introducendo il minimo delle distorsioni. Per ascoltare i suoni che stiamo registrando entrano in gioco i canali monitor che come detto ricevono in ingresso i segnali provenienti dal registratore. I canali monitor, quando il mixer è in modalità di registrazione, trasferiscono i segnali sul mix bus che è possibile ascoltare dai monitor dello studio. Dunque agendo sui fader secondari e sui relativi controlli panoramici siamo in grado di creare un mix con i segnali che stiamo registrando. Le operazioni vengono eseguite in questo modo perché i segnali che vanno su nastro per essere registrati devono avere livelli costanti per tutta la registrazione (per questo i fader dei canali principali e dei gruppi rimarranno fermi a 0 Vu) mentre per l'ascolto dobbiamo essere liberi di variare i livelli di qualsiasi segnale. Da notare che tutti i moduli presenti su ogni canale (equalizzatore, filtro, pad, invertitore di fase ecc.), in modalità di registrazione agiscono sul segnale presente nel canale monitor. Questo viene giustificato dal fatto che comunque in fase di registrazione sul canale principale non si esegue nessuna manipolazione per non introdurre distorsioni dunque tutti gli accessori del canali sono resi disponibili sul canale monitor per personalizzare l'ascolto (su alcuni mixer, opportuni interruttori permettono quando necessario di assegnare un modulo al canale principale disattivandolo dal canale monitor).

Riassumiamo dunque i passi principali per configurare lo studio per una registrazione.

  • Portare a 0 Vu i fader dei canali principali su cui sono presenti i segnali da registrare

  • Portare a 0 Vu i fader dei gruppi

  • Regolare il livello dei segnali utilizzando il potenziometro di gain di ogni canale monitorando il livello sui Vu meter

  • Configurare il registratore in modo tale che fornisca in uscita il segnale di ingresso, se siamo in modalità input, o il segnale registrato, se siamo in modalità sync

  • Alzare i fader dei canali monitor

  • Alzare il fader principale del mix bus

  • Regolare il mix utilizzando i fader secondari e i relativi controlli panoramici



[18 ] Se lo studio è stato calibrato correttamente, il livello del segnale monitorato sugli indicatori di livello del mixer deve essere esattamente lo stesso presente sugli indicatori del registratore.








curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti