Operare nello studio di registrazione: Il bouncing

Read this page in English Read this page in English Lire cette page en Français
CDROM Corso Audio Multimediale Ti piace questo Corso?
Scarica la versione integrale!

Con questo termine (dall'inglese bounce: rimbalzare) si indica la registrazione di un certo numero di tracce su un numero minore di tracce in modo da liberare canali per registrare ulteriori strumenti. Un esempio pratico chiarisce la questione. Supponiamo di avere registrato una batteria composta da molti pezzi utilizzando 12 tracce. Ovviamente questo lascia libere solo 11 tracce per tutti gli altri strumenti (la 24 è per il timecode). Per liberare qualche traccia possiamo pensare di realizzare un mix stereo con tutte le tracce della batteria e registrare questo mix per esempio sulle tracce 13-14. Una volta fatto ciò la nostra intera batteria occupa solo due tracce e possiamo sovrascrivere le tracce da 1 a 12. Questa pratica va usata con molta attenzione in quanto presenta notevoli svantaggi. Anzitutto se il supporto multitraccia è analogico viene introdotta una degradazione del segnale ogni volta che viene copiato da una traccia all'altra. Il secondo motivo, che è il più importante, è che così facendo non possiamo più manipolare il mix della batteria. Se dovessimo scoprire in seguito che abbiamo tenuto il livello del rullante troppo alto non potremmo più correggerlo e dovremo ricominciare l'intera registrazione! Dunque quando adottiamo questa tecnica bisogna tenere presente il fatto che non potremo tornare indietro.








curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti