Suono live: Le torri di ritardo

Read this page in English Read this page in English Lire cette page en Français
CDROM Corso Audio Multimediale Ti piace questo Corso?
Scarica la versione integrale!

13.6.1. Rinforzo sonoro

Vengono così denominate le torri che vengono allestite nei grandi eventi live allo scopo di diffondere il suono a grande distanza dal palco. Sulle torri sono montati sistemi P.A. (oltre a quelli presenti sul palco) che consentono di ottenere un suono virtualmente uniforme su superfici molto estese. A causa della distanza tra i sistemi P.A. le onde sonore da essi generate risultano sfasate per la "limitata" velocità del suono e il diverso posizionamento di ogni sorgente. Abbiamo visto come l'intensità sonora diminuisca all'aumentare della distanza, riscontrando una caduta di 6dB ogni volta che raddoppia la distanza. Si tratta di una problematica da risolvere in quanto nella messa a punto di un sistema di amplificazione destinato a sale molto grandi bisogna fare in modo che il campo sonoro sia il più uniforme possibile in qualsiasi punto della sala. È evidente che uno spettatore che si trova sotto al palco riceverà un'intensità sonora molto maggiore di uno spettatore situato a 40 metri dal palco! Non potendo per ovvii motivi aumentare a dismisura il volume sui P.A. [20 ] scegliamo di mettere un ulteriore altoparlante a 30 m dal palco il modo da rinforzare il fronte sonoro come mostrato in figura.

Suono live - Esempio di rinforzo sonoro

Esempio di rinforzo sonoro

Il nuovo altoparlante sopperisce alla caduta di intensità dovuta alla distanza ma nasce così un problema: il segnale sonoro che parte dal palco impiega un certo tempo per arrivare all'ascoltatore 2 mentre il segnale elettrico che alimenta il rinforzo arriva subito. Questo fa sì che l'onda proveniente dal rinforzo arrivi prima di quella che proviene dal palco generando un innaturale effetto di sovrapposizione. Un primo passo per risolvere il problema consiste nell'applicare un effetto delay al segnale diretto al rinforzo e fare in modo che i due segnali arrivino insieme all'ascoltatore 2. Facciamo due calcoli per individuare le grandezze che stiamo trattando:

s=v x t da cui t=s/v da cui t=30/344=87ms

Dunque ritardando il segnale di rinforzo di 87ms (ms più ms meno) i due segnali arrivano insieme ed è già qualcosa. Ancora però non abbiamo risolto il problema in quanto il segnale proveniente dal palco si è molto affievolito (per questo abbiamo messo il rinforzo!) e dunque il segnale di rinforzo prevale creando un effetto innaturale in quanto vedremmo i musicisti suonare ma sentiremmo il suono provenire dal rinforzo. L'effetto Haas risolve egregiamente questo problema. Infatti, se ritardiamo ancora il segnale di rinforzo di un tempo interno alla zona di Haas, per l'effetto di precedenza avremo che la direzione del suono percepita dall'ascoltatore sarà quella dell'onda proveniente dal palco perché ora arriva prima del segnale di rinforzo, anche se quest'ultimo ha un'intensità considerevolmente maggiore (ciò vale fino a differenze di 10dB tra i due segnali, oltre l'effetto Haas perde di validità e il segnale, anche se ritardato, è talmente forte che copre quello diretto). Nell'esempio precedente, applicando un ritardo di 110 ms otterremmo il nostro scopo. Questo sistema viene impiegato sistematicamente nei grossi concerti all'aperto data la grande superficie da coprire.

Suono live - Rinforzo Arene

Rinforzo Arene

Suggerimento

Possiamo sfruttare l'effetto Haas per allargare l'immagine stereo di uno strumento mono nel nostro mix. Consideriamo una chitarra, ben suonata ma mono... Con riferimento alla figura seguente mandiamo una copia del segnale sul canale sinistro e una copia ritardata di un tempo interno alla zona di Haas sul canale destro. Questo allargherà l'immagine della chitarra ma la sposterà anche verso sinistra poiché la direzione dominante è quella relativa al suono che arriva per primo all'ascoltatore. Alziamo di 3dB il canale destro per riequilibrare questa situazione anche se ora i nostri volumi sono diseguali e bisognerà agire sugli altri strumenti per riequilibrarli. Ciò è un bene perché distribuendo i volumi a destra e a sinistra raggiungeremo quella varietà che ci è necessaria affinché un mix non sia solo mettere i suoni uno sull'altro ma sia una vera e propria operazione creativa.

Suono live - Apertura dell'immagine di un suono mono

Apertura dell'immagine di un suono mono





[20 ] Public Address: è il sistema di altoparlanti che vengono disposti ai lati di un palco.








  • inserito il 11-12-2008 09:59
    Salve,
    non credo ci sia un errore. Riporto per esteso i passaggi effettuati per ottenere il risultato.

    Posto che la velocit del suono di 344m/s, non Km, si ottiene:

    s=v x t

    da cui

    t=s/v

    da cui

    t=(30m) / (344m/s)

    da cui, elidendo:

    t=87ms
  • inserito il 10-12-2008 21:08
    salve a tutti credo ci sia un errore nella formula del calcolo del delay sulle torri di ritardo in quanto si dimenticato di moltiplicare per 1000 la distanza della torre e poi dividerla per la velocit del suono
curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti