Acustica degli ambienti: Sala di regia LEDE

Read this page in English Read this page in English Lire cette page en Français
CDROM Corso Audio Multimediale Ti piace questo Corso?
Scarica la versione integrale!

Questa sala di regia è stata progettata da Don Davis nel 1980 ed ha lo scopo di attenuare al massimo le prime riflessioni che provengono dalla parte frontale della sala. In questo modo il suono che proviene dalle casse monitor non viene colorato dalle riflessioni permettendo un ascolto più fedele. LEDE sta per Live End - Dead End (traducibile più o meno con: zona viva e zona morta) e indica la divisione in due zone distinte della sala di regia: una in cui le riflessioni vengono ridotte al minimo (dead end, zona morta) e un'altra in cui le riflessioni vengono diffuse nel modo più omogeneo possibile (live end, zona viva).

Lo schema della sala di regia LEDE è il seguente:

Acustica degli ambienti - Sala di regia di tipo LEDE

Sala di regia di tipo LEDE

Cominciamo a vedere la zona morta. Tutte le pareti (sono tutte rigorosamente non parallele) di questa zona sono ricoperte da materiale assorbente. Ai lati della finestra sono incassati nel muro i monitor di campo lontano [I monitor ] . Un tappeto ricopre tutta la zona e al confine tra le due zone si trova la posizione del fonico che avrà di fronte il mixer e i monitor di campo vicino. La zona viva è abbastanza grande in modo da ritardare l'arrivo alla posizione del fonico delle riflessioni sulle pareti posteriori. Il pavimento viene realizzato con un materiale riflettente (per esempio un parquet) mentre le pareti vengono ricoperte con dei pannelli diffusori. Nella parete posteriore trovano posto anche due bass trap, una per lato e questo compensa per la risonanza alle basse frequenze date le grandi dimensioni della sala. Questo tipo di sala di regia ha delle caratteristiche molto precise e permette di avere ascolti molto fedeli a quello che effettivamente esce dagli altoparlanti. Adottare questo tipo di soluzione significa fare una scelta precisa rinunciando però ad altre caratteristiche.

Cos'è che vogliamo ascoltare realmente in sala di regia? Il suono effettivo che esce dai monitor oppure vogliamo ascoltare il suono come lo ascolterebbe un utente con un semplice stereo o addirittura con con l'autoradio? L'opinione di chi scrive è che sicuramente un disegno di tipo LEDE è l'ideale durante la fase della registrazione perché in quel caso è importante avere un ascolto il più fedele possibile del suono che viene catturato dai microfoni. Tuttavia in fase di missaggio sarebbe forse più opportuno effettuare gli ascolti in una sala con caratteristiche acustiche più simili agli ambienti reali visto che poi il nostro missaggio verrà ascoltato nelle situazioni più diverse.








curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti