Audio Digitale: Registrazione e mixaggio digitale

Read this page in English Read this page in English Lire cette page en Fran├žais
CDROM Corso Audio Multimediale Ti piace questo Corso?
Scarica la versione integrale!

Il software che abbiamo a disposizione ci viene in aiuto per compiere le operazioni di cui abbiamo bisogno. In fase di registrazione avremo una schermata che ci permetterà di vedere in tempo reale le forme d'onda dei segnali che stiamo registrando. In questa fase potremo registrare quante tracce vogliamo, purché il nostro sistema hardware/software lo consenta. Tutti questi dati andranno a finire sul supporto HD pronti per essere utilizzati e manipolati (ricordiamo che 1 minuto di registrazione stereo a 44.1 KHz e 16 bit di quantizzazione produce circa 10.5 Mb di dati). Il numero di tracce che possiamo registrare contemporaneamente dipende dal numero di ingressi/uscite della scheda audio che utilizziamo. La fase successiva alla registrazione è come sempre il mixaggio ed è qui che il software che utilizziamo entra fortemente in gioco. Mettendo il software in modalità di mixaggio avremo sullo schermo una serie di canali in cui potremo muovere faders e pan pots virtuali, come su un vero mixer. Oltre ai controlli principali (fader, pan, solo, mute, gain) avremo a disposizione tutta una serie di funzionalità che fanno dell'HDR uno strumento veramente potente.

  • Gruppi: Ogni segnale può essere inviato al master mix bus oppure sui gruppi che simulano in maniera virtuale il funzionamento dei gruppi nei mixer analogici. [Mixer: i gruppi ]

  • Aux send: Anche in questo caso la funzionalità simula in maniera virtuale la funzionalità reale. [Auxiliary send ]

  • Automazione: Praticamente ogni parametro può essere controllato in modo automatico dal computer e questa risulta essere una funzionalità estremamente potente e che qualsiasi ingegnere del suono degli anni '70 avrebbe desiderato.

  • Sincronizzazione SMPTE/MTC: Generalmente il software permette di interfacciarsi con un segnale di sincronizzazione proveniente dal mondo esterno dando dunque al sistema HDR la possibilità di integrarsi in un contesto audio più complesso (di solito il sistema HDR può essere esso stesso un generatore di sincronizzazione per altri sistemi, tuttavia in contesti professionali l'affidabilità di questa soluzione non può competere con quella di macchine dedicate esclusivamente a questo scopo). [Sincronizzazione ]

  • Plug-In: In inglese 'to plug' indica il gesto di infilare una spina nella presa, dunque per astrazione il termine indica l'inserimento di una funzionalità aggiuntiva ad un sistema preesistente. Nel caso di un sistema di HDR un plug-in è un programma aggiuntivo. Un esempio chiarisce la questione. Se ci mettiamo in modalità di mixaggio avremo sullo schermo una rappresentazione dei canali del mixer e supponiamo di avere su un canale una linea di chitarra che vogliamo un po' manipolare prima di mandarla al mix bus. Possiamo inserire in un certo punto della catena un plug-in che implementa un effetto riverbero. Questo ci metterà a disposizione una serie di parametri che possiamo modificare e, come detto in precedenza, anche automatizzare. Migliore è la qualità dell'algoritmo implementato, migliore sarà il suono che otterremo. Ogni plug-in realizza una manipolazione sul segnale e nel farlo utilizza una parte della potenza di calcolo messa a disposizione del sistema. Questo significa che il numero di plug-in che potremo utilizzare contemporaneamente dipende dalla potenza del nostro sistema HDR (principalmente dalla velocità della scheda DSP e la quantità di RAM su qui possiamo contare). In generale l'utilizzo 5 di plug-in tutti diversi richiede molte più risorse dello stesso plug-in applicato in 5 punti diversi. I plug-in possono essere della natura più varia, avremo a disposizione equalizzatori, riverberi, compressori, gates e più in generale tutto quello che esisteva già nel mondo analogico ma stavolta in versione digitale. Alcune case produttrici di effetti o processori di segnale che sono poi diventati uno standard nell'equipaggiamento di uno studio di registrazione hanno messo sul mercato dei plug-in che sono esattamente la versione digitale del modulo analogico. Naturalmente si tratta di una simulazione e dunque la somiglianza tra la versione analogica e quella digitale non sarà per forza totale, ma generalmente gli algoritmi di simulazione riescono a fornire un suono molto vicino a quello del modulo originale (tanto più che molti moduli sono già digitali e dunque la loro trasposizione a plug-in risulta molto più esatta, mentre per esempio un modulo di compressore valvolare sarà molto più difficile da simulare con un plug-in).

La figura seguente mostra un software per l'HDR in azione:

Audio digitale - Software per l'HDR in azione

Software per l'HDR in azione








curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti