Supporti sonori digitali: Supporti digitali magnetici

Read this page in English Read this page in English Lire cette page en Français
CDROM Corso Audio Multimediale Ti piace questo Corso?
Scarica la versione integrale!

Questi supporti hanno caratteristiche simili a quelli destinati alla registrazione analogica. Viene infatti sfruttato il principio dell'allineamento di particelle magnetiche secondo l'andamento del segnale da memorizzare con la differenza che questo stavolta è un segnale che rappresenta i campioni estratti dal segnale analogico. Sono soggetti a vari tipi di interferenze che possono alterarne il contenuto come quelle generate da televisori, cellulari (mai mettere un supporto magnetico nella stessa borsa del cellulare!), monitor dei computer. Tuttavia vengono largamente impiegati in quanto permettono un trasferimento di dati veloce a costi relativamente abbordabili. Dividiamo questo tipo di supporti in due categorie: a testina magnetica rotante e testina magnetica fissa.

19.2.1. Supporti a testina rotante

Il principio adottato è lo stesso utilizzato nei comuni videoregistratori in cui viene attuata una scansione elicoidale del nastro. Ciò significa che una parte di nastro viene estratta dalla custodia che lo ospita e avvolta attorno ad una testina magnetica rotante di forma cilindrica. La testina risulta inclinata di un certo angolo rispetto alla direzione di scorrimento del nastro. Ciò ha il risultato di magnetizzare il nastro in porzioni oblique come mostrato nella figura seguente:

Supporti sonori digitali - Magnetizzazione obliqua del nastro magnetico

Magnetizzazione obliqua del nastro magnetico

La testina rotante contiene al suo interno sia la testina di registrazione che quella di riproduzione. In realtà vi sono sistemi in cui vi sono più testine di registrazione e riproduzione all'interno della testina rotante e questo permette una qualità maggiore in quanto c'è sempre una testina in contatto col nastro (la qualità del fermo immagine dei videoregistratori dipende da questo fattore). I supporti più diffusi che adottano questo sistema sono:

  • R-DAT: Recording Digital Audio Tape - E' uno dei sistemi più utilizzati per la produzione di master stereo. Esiste in due versioni diverse:

    Nastro da 30 mm, 4 testine e un angolo di avvolgimento di 90o:

    Supporti sonori digitali - Avvolgimento di 90o

    Avvolgimento di 90o

    Nastro da 15 mm, 2 testine e un angolo di avvolgimento di 180 gradi:

    Supporti sonori digitali - Avvolgimento di 180o

    Avvolgimento di 180o

    Di seguito un lettore (e registratore) DAT:

    Supporti sonori digitali - DAT Player

    DAT Player

    Il supporto magnetico utilizzato dal DAT è il seguente:

    Supporti sonori digitali - Supporto DAT

    Supporto DAT

    La velocità di rotazione della testina è di 2000 rpm [44 ] mentre la velocità del nastro è di 8.15 mm/sec. Permette di registrare due canali (Left e Right) con una frequenza di campionamento di 44.1 KHz o 48 KHz. I bit di quantizzazione possono essere 16, 20 o 24.

    Le informazione vengono memorizzate sul nastro secondo lo schema seguente:

    Supporti sonori digitali - Formato dei dati memorizzati

    Formato dei dati memorizzati

    I dati audio si trovano nella zona centrale indicata con la sigla PCM (che indica il tipo di codifica dei dati: Pulse Code Modulation). La sezione ATF (automatic track follower - inseguitore automatico di traccia) memorizza codici utilizzati da un sistema di correzione dell'allineamento della testina rispetto al nastro. La sezione subcode permette di memorizzare informazioni aggiuntive oltre ai dati audio. Sui DAT è inoltre possibile registrare in una zona a parte il riferimento temporale per la sincronizzazione che dunque può essere cambiato a piacimento anche dopo che il segnale audio è stato memorizzato. Vengono utilizzati diversi sistemi di controllo di errore come il controllo di parità e il codice CIRC [CIRC (Cross Interleaving Reed-Solomon Code) ] oltre che il sistema di modulazione 8-10 che converte sequenze di 8 bit in sequenze di 10 bit che, come viene spiegato più avanti, permette di ridurre il numero di transizioni da memorizzare nell'unità di tempo. Viene inoltre implementato il sistema SCMS (Serial Copy Management System) che permette di avere una protezione contro le copie indiscriminate. Una volta che un DAT è stato riversato su un altro DAT (è un riversaggio digitale e dunque non comporta perdita di informazione), i codici SCMS vengono alterati rispetto all'originale facendo in modo che non sia possibile fare ulteriori copie a partire dal DAT così ottenuto.

  • ADAT: Alesis Digital Audio Tape - Ogni macchina ADAT può registrare 8 tracce e si possono sincronizzare insieme fino a 16 macchine con un risultato di 128 tracce disponibili per la registrazione. La temporizzazione interna può essere sincronizzata con un segnale SMPTE [Il timecode SMPTE ] o MTC [MTC - MIDI Time Code ] proveniente dall'esterno in modo da non dover impiegare una traccia audio per la registrazione del timecode. La codifica dei dati è di tipo lineare a 16 bit con una frequenza di campionamento di 48 KHz (sovracampionata x64). Utilizza una versione migliorata delle normali videocassette VHS che però debbono essere preventivamente formattate.

    Di seguito un'immagine del lettore ADAT:

    Supporti sonori digitali - ADAT Player

    ADAT Player

  • Tascam DA-88: Utilizza il formato video Hi-8. Ha una testina rotante a 4 testine e permette di registrare 8 tracce audio. Consente di registrare 100 minuti di audio su una videocassetta di 90 minuti.

    Di seguito un'immagine del lettore DA-88:

    Supporti sonori digitali - DA-88

    DA-88

    Supporti sonori digitali - Cassetta Hi8

    Cassetta Hi8



19.2.2. Supporti a testina fissa

Si tratta in genere di semplici bobine su cui viene memorizzato il segnale digitale. Il segnale viene memorizzato lungo la direzione longitudinale del nastro da testine fisse e non in direzione obliqua come avveniva nel caso di testine rotanti. I modelli più utilizzati sono:

  • DASH: Digital Audio Stationary Head - Sistema messo a punto dalla Sony. Sono disponibili macchine che registrano dal 2 a 48 tracce. Le frequenze di campionamento consentite sono: 44.1 KHz e 48 KHz mentre la larghezza dei nastri può essere di 1/4'' o 1/2''.

    Di seguito un'immagine del lettore DASH:

    Supporti sonori digitali - DASH

    DASH

  • DCC: Digital Compact Cassette - Permette di registrare 9 tracce su ogni direzione di un nastro di larghezza 1/8'' che viaggia ad una velocità di 17/8 ips.

    Di seguito un'immagine del supporto DCC:

    Supporti sonori digitali - DCC

    DCC

    Di seguito un'immagine del lettore DCC:

    Supporti sonori digitali - DCC

    DCC





[44 ] rpm sta per round per minute (giri al minuto) ed è l'unità di misura comunemente impiegata per misurare la velocità di rotazione di un supporto a disco (per esempio i vecchi dischi in vinile detti Long Playing -LP- avevano una velocità di 33,33 rpm).








curve 

Leggi tutto sull'integrazione Audiosonica-Wikipedia Approfondimenti su Wikipedia