Effetti e Processori di segnale: Delay

Read this page in English Read this page in English Lire cette page en Français
CDROM Corso Audio Multimediale Ti piace questo Corso?
Scarica la versione integrale!

Aggiunge repliche del segnale distanziate nel tempo ingenerando un 'effetto eco'. Inizialmente veniva generato utilizzando un registratore analogico sfruttando la distanza tra la testina di riproduzione e quella di registrazione. Mandando l'uscita del canale sinistro all'ingresso del canale destro e viceversa e lavorando sulla velocità del nastro si riusciva a ottenere un effetto delay versatile e, per l'epoca, rivoluzionario. L'era digitale ha semplificato molto la realizzazione di questo effetto consentendo inoltre di introdurre innovazioni interessanti come il ping pong delay (le repliche sono alternate sui canali destro e sinistro) e il multi-tap (le repliche si susseguono con tempi diversi creando effetti di dissolvenza). Nella pratica musicale il tempo di delay viene spesso posto pari al tempo di una battuta. In questo modo le repliche vanno a tempo con la musica creando un effetto che contribuisce a riempire il suono. Per calcolare il tempo di delay (in millisecondi) necessario per un pezzo di n battute al minuto (bpm - beats per minute) possiamo ricorrere alla seguente formula:

tempo di delay (ms)=60000 ms/bpm

Di seguito viene riportato un suono su cui è stato applicato un effetto Delay in due diverse modalità.

Tabella 7.2. Effetto delay 

Delay semplice [Traccia 24]

Effetti e processori di segnale - Delay semplice[Traccia 24]

Delay con maggiore feedback [Traccia 25]

Effetti e processori di segnale - Delay con maggiore feedback[Traccia 25]







curve 

Leggi tutto sull'integrazione Audiosonica-Wikipedia Approfondimenti su Wikipedia

curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti