Lettera L

Larghezza di banda

Un intervallo di frequenze. P.es. il segnale sonoro ha una larghezza di banda teorica di circa 20 KHz.

Leakage

Indica l'insieme di suoni indesiderati captati da un microfono oltre al suono principale. Si verifica per esempio quando vengono microfonati pi¨ strumenti nello stesso ambiente

LED

Light Emitting Diode, diodo ad emissione luminosa. Componente elettrico che converte l'energia elettrica che lo attraversa in energia luminosa

LEDE

Acronimo di Live End Dead End, zona viva zona morta. Particolare progettazione di una sala di regia all'interno di uno studio di registrazione che viene suddivisa in due zone: una in cui le riflessioni vengono ridotte al minimo (dead end) che Ŕ la parte da cui proviene il suono dai monitor, e un'altra in cui le riflessioni vengono diffuse nel modo pi¨ omogeneo possibile (live end) che Ŕ la zona posteriore alla posizione del fonico

Approfondimenti: [Sala di regia LEDE]

Legge della distanza inversa

Legge empirica per la quale data una sorgente sonora si rileva una perdita di 6dBspl sull'ampiezza ogni volta che si raddoppia la distanza dalla sorgente stessa

Approfondimenti: [Legge della distanza inversa]

Legge di Ohm

Vedi: [Ohm, legge di]

Lente Acustica

╚ un grappolo di diffusori di alte frequenze sistemati a forma di lente. Questo permette di dare un angolo di diffusione maggiore alle alte frequenze

LFD

Low Frequency Diffusion, termine impiegato per identificare la diffusione sonora alle basse frequenza (generalmente inferiori a 80 Hz)

LFE

Acronimo di Low Frequency Emitter. Emettitore a bassa frequenza. Tipo di altoparlante realizzato per la riproduzione delle frequenze molto basse (20 Hz-40 Hz) e utilizzato nei sistemi surround

LFO

Acronimo di Low Frequency Oscillator, oscillatore a bassa frequenza. Tali oscillatori vengono utlizzati di solito per generare segnali di controllo a bassa frequenza (dell'ordine di 1 Hz) per altri circuiti e per pilotarne in questo modo alcuni parametri

LIFO

Acronimo di Last In First Out. ModalitÓ di funzionamento di un buffer per la memorizzazione di dati. Indica un buffer in cui gli ultimi dati che sono stati memorizzati sono quelli che per primi vengono estratti. Si differenzia dal tipo FIFO (First In First Out) in cui gli ultimi dati inseriti sono i primi ad essere estratti

Libri standard

Libri che definiscono le caratteristiche standard dei vari formati dei supporti digitali. Di seguito, un elenco dei principali:

Libro Rosso, CD-DA (CD Audio), 1982

Libro Giallo, CD-ROM (CD Read Only Memory), 1985-89

Libro Verde, CD-I (CD Interactive), 1987

Libro Arancione, CD-MO (Magneto-Ottico), CD-WO (Write Only), PhotoCD, 1988-90

Libro Arancione II, CD-R (Recordable, multisessione), 1990

Libro Arancione III, CD-RW (ReWritable), 1997

Libro Bianco, Video CD, 1993

Libro Blu, CD-Extra, 1995

Libro Oro, CD-HD (High Density), 1996

Limiter

Dispositivo simile al compressore ma con un rapporto di compressinone molto elevato. Quando il segnale di ingresso supera una certa soglia, l'uscita rimane praticamente costante. Un compressore con rapporto di compressione pari a 8:1 pu˛ essere considerato un limiter

Approfondimenti: [Limiter]

Line Pad

Circuito di attenuazione del segnale di ingresso su un mixer. Generalmente l'attenuazione Ŕ dell'ordine di 20-30 dB

Linea

Termine che indica una linea di trasmissione per un segnale elettrico

Linea Bilanciata

╚ una linea di trasmissione fatta con due conduttori e una garza (shield). La garza offre una schermatura contro i campi elettrici esterni i quanto crea una 'gabbia di Faraday'. I due conduttori conducono lo stesso segnale ma invertito di fase e questo permette in ricezione di cancellare il rumore generato dai campi magnetici vicini alla linea. Infatti rimettendo in fase i segnali e dunque ponendo in opposizione di fase il rumore, quest'ultimo viene eliminato consentendo di estrapolare il solo segnale originario

Linea sbilanciata

╚ una linea di trasmissione fatta con due conduttori uno dei quali porta la tensione di massa. La massa avvolge il primo conduttore per schermarlo dai campi elettrici

Livello

Ampiezza di un segnale rispetto ad un valore prefissato di riferimento

Livello di riferimento

Valore noto di una grandezza riconosciuto come standard. Per esempio per gli studi di registrazione professionali il valore di riferimento utilizzato Ŕ 0Vu che corrisponde a 4dBu

Livello sonico

Parametro introdotto da Barkhausen nel 1926 che descrive l'intensitÓ sonora percepita e che viene comunemente denominato phon. Vedi anche phon

Local Control (Protocollo MIDI)

Segnale che parte dal tasto premuto sulla tastiera e arriva al banco dei suoni che poi produce il suono da inviare all'altoparlante. Dato che il banco dei suoni pu˛ essere acceduto anche dall'esterno via MIDI, quando una tastiera viene collegata ad un sistema MIDI occorre disabilitare il local control per evitare che il singolo suono venga attivato da due segnali contemporaneamente: quello MIDI e quello proveniente dal tasto della tastiera

Approfondimenti: [Il protocollo MIDI]

Longitudinal Time Code

Vedi: [LTC]

Loop

Ciclo. Indica la ripetizione ciclica di un evento

Loudness

Percezione (soggettiva) dell'intensitÓ di un suono

Loudspeaker

Altoparlante

LSB (Protocollo MIDI)

Acronimo di Least Significative Byte. In un comando MIDI che Ŕ composto da 3 byte, indica l'ultimo byte che viene sfruttato solo in alcuni casi specifici (il primo byte indica il canale MIDI usato)

Approfondimenti: [Il protocollo MIDI]

LTC

Segnale di sincronizzazione che viene registrato su una delle tracce audio lungo la direzione longitudinale del nastro. Ha il vantaggio di essere leggibile anche per alte velocitÓ del nastro (per esempio durante un avanzamento veloce)

Lunghezza d'onda

Distanza tra due massimi consecutivi dell'onda