ROMA – 19-22/05 – Live Performers Meeting – Nuovo Cinema Aquila

Da attendere c’è ancora poco, signori miei, e poi si darà il via all’LPM 2011!

Non sapete cos’è? Dunque, LPM sta per Live Performers Meeting e sarà un evento che si svolgerà dal 19 al 22 maggio, e non potrete assolutamente perdervelo!

Sarà un’occasione unica per vedere (e apprendere) il funzionamento della parte visiva dei live di elettronica, ovvero la sua comprimaria più importante. Quante volte, infatti, siamo rimasti abbagliati dai tripudi di luci, di fumi e di laser -e quant’altro- che si riversavano dai palchi dei nostri artisti preferiti a noi?

Ecco, se volete vedere come nasce tutto questo, il luogo dell’incontro è il Nuovo Cinema L’Aquila a Roma (quello dietro al Pigneto, per capirci), e durante il suo svolgimento ci saranno una miriade di presentazioni diverse, nonché lo showreel dei numerosi prodotti tecnologici d’avanguardia con cui avvengono queste meraviglie! Partiranno inoltre alcuni corsi su argomenti specifici molto interessanti, ai quali vi conviene iscrivervi subito, se v’interessano.

Sono infatti argomenti dei quali si parla e si vede sempre molto, ma i cui corsi di formazione in Italia sono –purtroppo- praticamente assenti. Qui, invece, grazie al contributo di numerose realtà internazionali, potrete rifocillare la vostra vena tecnofila, seguendo –ad esempio- i seguenti corsi:

in primis vi segnalo quello sul Mapping, che è una tecnica che sta letteralmente sbancando nell’europa del nord e negli states. Riassumendo, potremmo definirla un’arte che, attraverso un abile gioco di immagini in movimento proiettate ad hoc, è in gran grado di trasformare le pareti di un palazzo in qualcosa di animato. Immaginate di vedere il Colosseo, o il Duomo, che tutt’un tratto prendono vita, contorcendosi su loro stessi in un delirio di dinamica e colori, e avrete, più o meno, un’idea di quello che potreste imparare a fare con questo corso.

Qui, un video -forse tra i più belli- sull’argomento, dove un castellone baverese viene letteralmente scomposto sotto gli occhi increduli della popolazione sottostante.

Un altro corso a mio dire micidiale, è quello sulla Generative Art. La Generative Art è una tecnica con cui, attraverso soli comandi di script, possiamo dare vita e intervenire su ogni tipo di grafica. Si basa quindi tutto sulla conoscenza della matematica più pura e della programmazione più tosta e, consente di elaborare elementi visuali statici così come in movimento; oltre (e da lì il nome) a opere che vanno crescendo -grazie a nostri specifici comandi- autodeterminando di volta in volta la propria forma.

Per finire di leggere l'articolo basta andare sul sito delle Fonderie Sonore, cliccando qui.





curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti