Saul Williams - The Inevitable Rise and Liberation of NiggyTardust!

Read this page in English Read this page in English Lire cette page en Français
Saul Williams - The Inevitable Rise and Liberation of NiggyTardust!
Liberatosi della sua Live Band, Trent Reznor, mente unica dei Nine Inch Nails, pare aver trovato in Saul Williams un compagno di avventure social-musicali d'avanguardia. Il Polistrumentista Reznor, dopo dischi e dischi a base di "violenta autoanalisi" riversa tutte le sue forze in una vera e propria propaganganda, impegno sociale impacchettato in un una forma seducente, diffuso servendosi di messaggi subliminali sparsi nel mondo reale ed in quello virtuale.

L'ultima tappa di quest'impegno stata la release dell'album "The Inevitable Rise and Liberation of NiggyTardust!", che il frutto di una stretta collaborazione tra Saul e Trent; tutti quei suoni, chitarre distorte e batterie millimetriche tipiche dei NIN si modellano attorno alla voce del nostro NiggyTardust. Il genere cambia; ma il risultato no.

Questo un'ottimo disco, in cui liriche Hip Hop poggiano su un ordinato caos di sonorit Industriali. Fondamentalmente Williams una creatura di Reznor, o meglio una sua estensione; il disco "pubblicizzato" direttamente dal sito dei Nine Inch Nails e [cliccando qui] potete scaricarlo gratis, booklet digitale compreso, o pagando 5 dollari. Scaricatelo, ascoltatelo, e se vi piace date un contributo all'artista: citando le parole di Reznor, "Saul non ha la stessa fama dei Radiohead, ci significa che abbiamo bisogno del vostro supporto in maniera maggiore".

La metodologia di distribuzione la stessa utilizzata per "In Rainbows", ma all'idea del gruppo di Thom Yorke i Nostri fanno migliorie, facilitandoci la vita. Che le case discografiche lo vogliano o no, il mercato musicale ad un punto di rotta. Gli artisti, grazie alla Rete, stanno ognuno facendo la propria "dichiarazione d'indipendenza"; presto si aggiungeranno i Nine Inch Nails stessi, Jamiroquai, gli Oasis, altri pezzi grossi che cominciano a sentire l'odore di rivoluzione. Perch di questo che stiamo parlando. D'un tratto ci si accorti che non necessario pagare il tributo alle multinazionali per poter distribuire la propria musica, che la si poteva far arrivare direttamente nei nostri computer, ad un prezzo -finalmente- onesto.

Sulla musica all'interno del disco dir poco, perch per una buona volta potrete ascoltarlo con calma e decidere voi se merita o no il vostro denaro. A partire dalla cover di Sunday Bloody Sunday degli U2, si capisce che tra i due artisti c' un ottima intesa: tutto suona sporco, sperimentale, distorto, ma allo stesso tempo si capisce che frutto di lavoro maniacale, meticolosamente "architettonico". Da nominare sono ache Break, Banged and Blown Through, NiggyTardust... ma non voglio rovinarvi la sorpresa!
Cliccate su quel link, da bravi... cos... Ok! Alla prossima e buon ascolto.
a cura di Rhox


Links Consigliati:






curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti