Radiohead vs Nine Inch Nails? Mah...

Ghosts
E io che mi immaginavo di assistere ad un duello epocale, una battaglia tra band con chitarre rostrate e pubblico in delirio elettrosadomaso. Già nella mia testa si formavano immagini di un Reznor-Neo contro un Yorke-Smith, il primo con la sua cripto-propaganda e le abili manovre di viral marketing l'altro con i suoi spot sofisticati e gli annunci su iTunes, uno scontro tra chi crede nell'open content e chi se n'è servito per dare una lustrata alla propria fama. Senza scordarci che l'idea del Download ad offerta libera è stata un'idea di Chris Hufford, il fido manager del gruppo...

Ok, per chi non ci avesse capito granchè faccio un riassunto, fazioso ma neanche troppo, su quel che è successo ultimamente nel mondo musicale: è accaduto che i Radiohead hanno pubblicato il loro ultimo disco via internet, dove potevate scaricarlo pagando un prezzo da voi deciso -quindi anche "aggratis". Inutile dire che "In Rainbows", nel giro di qualche ora, è finito sulla bocca di tutti. I Radiohead sono i paladini del mercato libero della musica! e via dicendo. Allora arriva Trent Reznor, factotum dei Nine Inch Nails, che da tempo aveva dichiarato che il suo prossimo full-lenght sarebbe stato rilasciato tramite la rete. Vede quello che hanno fatto i Radiohead e rosica un po', ma non per questo si smentisce: pubblica quindi "Ghosts I-IV", disco composto da 36 tracce strumentali, da scaricare gratis (in parte) o pagando. Il prezzo è irrisorio -questo perché non c'è nessun discografico a farci la cresta- ma i guadagni saranno altissimi: solo grazie alla vendita dell'edizione ultra-deluxe da 300 dollari la band accumula 750 mila dollari, che nel giro di due mesetti diventeranno un milione e mezzo. Da notare anche il fatto che i NIN stessi hanno diffuso via torrent la "prima fetta" di Ghosts, servendosi di pirate bay e lasciando dichiarazioni d'amore indirizzate al peer-to-peer.

E così, in tempi record (specialmente per uno che prima partoriva un disco ogni 5 anni) Reznor dà alla luce "The Slip", un album nuovo di zecca da gustare tutto, ma dico tutto gratis. No, non c'è modo di pagare, è un regalo e basta. Puoi solo lasciare la mail, ti arriva il link e tu scarichi tutto, alla qualità che vuoi –dal semplice MP3 al WAVE ad alta definizione, superiore a quella del cd e "per soli audiofili" dice lui-, inoltre c'è pure l'artwork, e non è finita! Se vai sul sito apposito puoi scaricare tutte le multitracce, sempre senza sborsare un soldo, il tutto rigorosamente sotto licenza Creative Commons, senza DRM insomma. E ogni tanto, se non ha troppo da fare, Trent ti viene a lavare la macchina, a badare ai bambini e a mettere le cose a posto tra te e i vicini.

Tutto questo più o meno contemporaneamente alle dichiarazioni di Yorke, che da un oceano di distanza afferma che "non ripeterà più un'esperienza del genere, basta regali su internet". Peccato. Peccato anche per quel film festival "ideato" a due giorni di distanza da quello dedicato a Ghosts, o per la "rivoluzionaria" idea di mettere le multitracce a disposizione del pubblico. A pagamento, ovviamente.

E adesso cosa aspettate? Andate a scaricare questo disco! E già che ci siete andate a scaricare Ghosts I, così magari vi comprate le parti restanti. Ah, e diffidate dei Radiohead.
a cura di Rhox






  • inserito il 05-11-2011 08:13
    Nine Inc Nails ovviamente; i Radiohead fanno cagare
  • inserito il 11-05-2008 16:19
    Secondo me sotto c'è un barbatrucco!
curve 

Audiosonica - Youtube Video correlati su YouTube

curve 

Integrazione Audiosonica-MySpace Profili correlati su MySpace

curve 

Leggi tutto sull'integrazione Audiosonica-Wikipedia Approfondimenti su Wikipedia

curve 

Ultimi commenti

curve 

Ultimi articoli

curve 

Post più visti