• Italia

Audio Linux

Stai consultando: Audio Linux

Come utilizzare i Plugin VST sul sistema operativo Linux

Domenica, 01 Novembre 2015 20781

In questo articolo viene descritta una tecnica per utilizzare plugin in formato VST per il sistema operativo Windows sotto Linux attraverso l'utilizzo combinato di alcuni tools quali wine e vsthost.

  1. Introduzione a VST
  2. Obiettivi e finalità
  3. Installazione dei software necessari
  4. Configurare l'ambiente
  5. Il software VSTHost
  6. Un plugin VST: Softsynth
  7. Integrazione VST con le altre applicazioni
  8. Conclusioni

Introduzione a VST

VST è l'acronimo di Virtual Studio Technology, uno standard messo a punto dalla Steinberg (la creatrice di Cubase) che consente di gestire tramite interfaccia grafica (GUI - Graphical User Interface) moduli musicali quali sintetizzatori ed effetti e di collegarli a programmi di editing e di hard disk recording che utilizzano lo stesso standard. Attraverso il protocollo MIDI è possibile pilotare questi plugins e farli suonare "live" tramite una tastiera MIDI o per mezzo di un sequencer.

A volte un plugin VST può essere un semplice generatore di suoni, con qualche oscillatore qua e là, altre volte può essere un complesso sintetizzatore. In questo caso la differenza possono farla i suoni disegnati dalla casa madre perché al di là della complessità del sinth è necessario che i suoni disponibili siano ben fatti e progettati da chi se ne intende. Con l'introduzione dei plugin VSTi (VST instrument) si è introdotta la possibilità di emulare via software i sintetizzatori reali, gli expander ecc. importando all'interno dei plugins gli algoritmi di sintesi e i presets residenti nelle macchine originarie.

Per esempio, ecco il mitico Korg M1, che ancora fa capolino spesso e volentieri sui palchi di mezzo mondo:

Korg M1 Keyboard
Mitico Korg M1


e la sua versione VSTi:

Korg M1 Keyboard
Versione VSTi del Korg M1



I plugin VST utilizzano il protocollo ASIO (Audio Stream Input/Output) per comunicare direttamente con la scheda audio, bypassando i driver di Windows che, in quanto non disegnati espressamente per applicazioni audio, presentano una latenza troppo alta per questo scopo.

Obiettivi e finalità

A questo punto ci si potrà chiedere perché parliamo di Windows in una sezione dedicata all'Audio Linux. La risposta risiede nel fatto che è possibile utilizzare i plugin VST anche all'interno dell'architettura audio di Linux, e l'obiettivo di questo articolo è quello di realizzare il setup necessario al funzionamento del tutto.
Naturalmente occorre frenare gli entusiasmi poiché la cosa presenta alcune limitazioni, ma è comunque utilizzabile con buoni risultati.

Installazione dei software necessari

L'intera procedura è stata effettuata su una distribuzione 64 Studio (dunque utilizzando principalmente il software Synaptic per la gestione dei pacchetti) e prendendo spunto da questo articolo. Altre distribuzioni hanno procedure di installazione diverse, ma analoghe nella sostanza.

Innanzitutto occorre che al nostra Linux Box possa emulare l'architettura audio di Windows sopra la quale far girare i plugin VST.

Per questo si rendono necessari 3 software:

  • wine: acronimo ricorsivo di Wine is not an emulator a sottolineare il fatto che non si tratta di un emulatore di Windows. Si tratta in realtà di un'implementazione Open Source delle API di Windows che gira sopra X, OpenGL, ossia l'ambiente grafico dei sistemi Linux. Wine (come sottolinea l'acronimo) non richiede la presenza del sistema operativo Windows ma ne realizza solo le API rendendole disponibili ai programmi che ci girano sopra, tuttavia può richiedere a volte la presenza di librerie dll proprietarie.
  • wineasio: supporto ASIO per Wine che permette alle applicazioni di girare come client di JACK e dunque di interagire con il resto dell'architettura audio di Linux
  • msttcorefonts: rende disponibili su Linux i font True Type di Microsoft

Per prelevare dal repository di 64Studio questi pacchetti, dal programma Synaptic nel menu Strumenti di sistema, aprire Impostazioni -> Archivi dei pacchetti e checkare la URI: http://apt.64studio.com/64studio/testing. Cliccare Marca tutti gli aggiornamenti, quindi cliccare Ricarica. A questo punto installare i pacchetti wine, wineasio e msttcorefonts (eventualmente utilizzare la searchbox per trovarli all'interno della megalista). Una volta completata l'installazione, chiudere Synaptic.

Configurare l'ambiente

A questo punto occorre registrare il supporto ASIO per Wine. Dalla shell del nostro utente (non root!), lanciate il comando:

regsvr32 wineasio.dll

e ora il supporto ASIO è integrato nel nostro sistema e possiamo configurare wine lanciando il comando:

winecfg

Una volta aperta la finestra di configurazione di Wine, cliccare sul Tab Audio, deselezionare il sound driver OSS e selezionare il driver ALSA:

Finestra di configurazione di Wine
Finestra di configurazione di Wine


Ora Wine è pronto per interagire con JACK tramite il driver ALSA. Abbiamo bisogno di un software che gira sotto Windows che permetta di gestire i plugin VST.
Nella nostra home avremo una serie di directory che rappresentano il filesystem di windows. Per vederle facciamoci un giro cominciando:

cd .wine

Questa scelta risulta un po' scomoda in quanto Nautilus, il client di Gnome per browsare le directory, non visualizza di default le directory nascoste (quelle precedute da un '.' ). Dunque sul desktop, cliccare l'icona della propria home, andare sul menu Visualizza e checkare il box Visualizza file nascosti. Ora possiamo browsare dal desktop la nostra directory .wine e al suo interno troveremo la directory drive_c, che corrisponde ovviamente al disco C: di Windows.

Il software VSTHost

Dato che tra wine e tutto il resto abbiamo appesantito non poco il nostro sistema, è necessario che il software per la gestione dei plugins sia il più leggero possibile. Quindi per esempio NON utilizzeremo Cubase (che oltretutto è a pagamento) ma VSTHost, un software gratuito, leggero e che assolve egregiamente allo scopo. Questo software è stato creato da Hermann Seib, ed è disponibile con due tipi di licenze: donationware e LGPL. Per utilizzare la versione donationware, che ha più opzioni, prelevare il file http://www.hermannseib.com/programs/vsthost.zip e scompattarlo nella directory:

~/.wine/drive_c/Programmi

VSTHost, per girare, richiede una libreria standard della Microsoft che non ha un equivalente sotto Wine. Copiare il file MSFC42.DLL da un sistema Windows XP nella directory:

~/.wine/drive_c/windows/system32

oppure scaricarlo da

http://activex.microsoft.com/controls/vc/mfc42.cab

e utilizzare il software:

http://packages.debian.org/etch/cabextract

per estrarlo.

A questo punto possiamo far partire VSTHost e configurarlo. Da shell, si può entrare nella directory in cui lo abbiamo scompattato e lanciarlo con wine:

cd ~/.wine/drive_c/Programmi/vsthost
wine vsthost.exe


oppure da desktup browsando le directory fino a vsthost e poi cliccando sul tanto destro del mouse e selezionando Apri con Wine.

Configuriamo VSTHost:

Nel menu Devices -> Midi selezionare come MIDI Input il vostro device di ingresso, come per esempio la tastiera MIDI (se ce l'abbiamo).

Nel menu Devices -> Wave selezionare come Output Port la voce: ASIO: Wine Asio Driver per indirizzare correttamente l'output audio.

Un plugin VST: Softsynth

Ci siamo quasi, manca solo il nostro plugin VST. Su internet ve ne sono una gran quantità, anche se la qualità in genere non è molto alta. Questo non solo per quello che riguarda i suoni, che risultano poco elaborati, ma piuttosto per la stabilità del plugin stesso. Scaricando qua e là ne ho trovati parecchi che freezavano VSTHost. Suggerisco di provare con questo synth:

http://www.geocities.jp/daichi1969/softsynth/

che è free e ha una libreria di suoni invidiabile (la prima volta vanno caricati a mano dal plugin ma poi sono sempre disponibili dal menu Plugin di VSTHost, quando il plugin è attivato).

Dunque, scaricato il scompattato il synth nella nostra directory di plugins (ad esempio: ~/.wine/drive_c/VSTplugins), apriamolo da VSTHost selezionando il menu File -> New Plugin e aprendo la dll Synth1 VST.dll.
All'interno di VSTHost comparirà un piccolo box reppresentativo del plugin. Cliccare sull'icona del potenziometro per visualizzarlo. A questo punto dovreste vedere una cosa simile a questa:

Softsynth all'interno di VSTHost
Softsynth all'interno di VSTHost


e suonando la tastiera dovreste ascoltare il suono del plugin.

Se ciò non accade, non disperate, ripetete la sequenza di operazioni descritte. Poi se trovate ancora intoppi, chiedete aiuto alla community, anche lasciando un commento a questo post.

Integrazione VST con le altre applicazioni

A questo punto siamo riusciti a far suonare un plugin VST sulla nostra Linuxbox, quello che manca è integrarlo con tutto il resto, sequencer, jack, ardour ecc. Dunque apriamo Rosegarden e clicchiamo sull'icona per la gestione dei dispositivi MIDI. Come dispositivo di output assegnamo MIDI external device 2 alla porta MIDI Through. Successivamente, cliccando con i tasto destro sulla traccia attiva (per esempio la 1), assegnamone l'output a MIDI external device 2 (canale 1, se questo è il canale su cui riceve i comandi MIDI il plugin aperto su VSTHost).

Configurazione MIDI di Rosegarden
Configurazione MIDI di Rosegarden


Poi, in VSTHost, tornando sul Menu Device MIDI, scegliamo la porta MIDI Through come input. Ora suonando la tastiera, il plugin dovrebbe suonare, stavolta passando da Rosegarden. Dunque ora possiamo registrare le nostre sequenze musicali e farle risuonare da Rosegarden.

Per dare un ultimo tocco di integrazione, possiamo andare sul menu di Rosegarden: Settings -> Configure Rosegarden. Nella finestra che si apre, clicchiamo sull'icona Sequencer e successivamente sul tab Sincronizzazione. Nel menu a tendina Modalità di trasporto Jack, selezionare Sincronizza:

Configurazione Sincronizzazione di Rosegarden
Configurazione Sincronizzazione di Rosegarden


A questo punto tramite la trasport bar di JACK Control è possibile far partire tutte le applicazioni interessate in modo sincronizzato e... godersi lo spettacolo!

L'immagine seguente mostra l'interazione tra Rosegarden, JACK Control, il fantastico plugin Atmosphere della Spectrasonic e il synth per Linux ZynAddSubFX. Tutti insieme appassionatamente! :-)

Tutti insieme appassionatamente
Tutti insieme appassionatamente!


Conclusioni

Questa procedura dimostra la fattibilità della cosa. Per quel che riguarda la sua reale utilizzabilità occorre tenere presente che ci sono delle limitazioni. La prima è nella potenza di calcolo e memoria disponibile; questo approccio richiede moltissime risorse di sistema in quanto i plugins girano in un ambiente simulato che deve poi tradurre i comandi che riceve negli equivalenti comandi per il sistema operativo Linux, che gli soggiace. Ad ogni modo, oggi non è più così costoso reperire un computer con processori ultraveloci e ram sconfinata.

Il secondo problema è la stabilità. Ancora una volta ricordiamo che siamo in un ambiente simulato, sono tante le variabili che possono sfuggire, a cominciare dalla qualità del software dei plugins. Spesso se questi sono programmati correttamente, la probabilità di un crash diminuisce, ma resta il fatto che così tante applicazioni che interagiscono tra loro e girano contemporaneamente formano una catena in cui l'anello debole è proprio l'emulazione. In questo caso la colpa non è di Windows o delle sue API, ma piuttosto del fatto che le applicazioni audio richiedono non solo grandi velocità di processing e scambio dei dati, ma anche ambienti stabili e standard rigorosamente rispettati; un ambiente emulato come quello offerto da Wine, per quanto ben fatto, viene messo a dura prova in questo senso.

Attendiamo, come sempre, le vostre impressioni ed esperienze su questo argomento.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Il Corso Audio Multimediale

Acquista la versione FULL PREMIUM

Il CAM Corso Audio Multimediale è disponibile in tanti formati diversi che costituiscono un ECOSISTEMA al fine di offrire una fruizione differenziata su qualsiasi tipo di supporto

Leggi la scheda

Indice dei contenuti - Corso Audio Multimediale

Da qui è possibile accedere a qualsiasi sezione del corso scorrendo l'indice e cliccando la sezione di interesse.

Leggi la scheda

Scarica la Demo FREE del Corso Audio

Il CAM Corso Audio Multimediale è disponibile online in versione gratuita con alcune limitazioni. L'ECOSISTEMA CAM può essere valutato scaricando la versione demo.

Leggi la scheda

Cos'è Audiosonica

Audiosonica è un sito dedicato all'Ingegneria del Suono. All'interno del sito è disponibile il CAM Corso Audio Multimediale, un corso di Ingegneria del Suono consultabile (con alcune limitazioni) gratuitamente online. La versione senza limitazioni denominata ECO-SISTEMA CAM è disponibile in download a pagamento nei formati html, pdf A4, epub e mobi.

Il corso è adottato in varie forme da molte scuole di tecnica del suono, che sono elencate in una apposita sezione.

Vi sono poi altre sezioni con approfondimenti tecnici e notizie sempre inerenti al mondo dell'ingegneria del suono e anche una sezione dedicata ail'audio professionali con il sistema operativo Linux.

 

Scuole di Tecnica del Suono

Conservatorio di Como - Corso di Elettroacustica 1

Conservatorio di Como - Corso di Elettroacustica 1

More details
CESMA - Corso federale di Tecnico del Suono

CESMA - Corso federale di Tecnico del Suono

More details
Lazio in Scena - Corso di Tecnico del Suono

Lazio in Scena - Corso di Tecnico del Suono

More details
Università Antonina (Libano) - Corso Musica elettronica e ingnegneria del suono

Università Antonina (Libano) - Corso Musica elettronica e ingnegneria del suono

More details
Umbria FilmMovie - Corso di Fonico

Umbria FilmMovie - Corso di Fonico

More details
Fondazione Musicale Città di Gorizia - Corso di Nuove Tecnologie

Fondazione Musicale Città di Gorizia - Corso di Nuove Tecnologie

More details
École Française d'Audiovisuel - Corso di Tecnico del suono live

École Française d'Audiovisuel - Corso di Tecnico del suono live

More details
Conservatorio di Catelfranco Veneto - Triennio di Musica Elettronica

Conservatorio di Catelfranco Veneto - Triennio di Musica Elettronica

More details
Labella Studio - Corso di Tecnico del suono

Labella Studio - Corso di Tecnico del suono

More details
Conservatorio di Torino - Corso di Tecnologie e tecniche della ripresa e registrazione audio

Conservatorio di Torino - Corso di Tecnologie e tecniche della ripresa e registrazione audio

More details
Conservatorio di Avellino - Corsi di Tecnico di sala di registrazione

Conservatorio di Avellino - Corsi di Tecnico di sala di registrazione

More details
Università di Catania - Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Audio Mixing

Università di Catania - Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Audio Mixing

More details
Möllenkramer Training - Corsi di suono e dell'acustica

Möllenkramer Training - Corsi di suono e dell'acustica

More details
NUCT - Scuola Internazionale Cinema e Televisione - Corso di Tecnica del suono

NUCT - Scuola Internazionale Cinema e Televisione - Corso di Tecnica del suono

More details
NUT Studio - Corso per Produttori di Musica Elettronica e Live Performer

NUT Studio - Corso per Produttori di Musica Elettronica e Live Performer

More details

logo audiosonica footer

© 2020 Audiosonica. Tutti i diritti riservati. Sito web realizzato Audiosonica Multimedia

Search