• Italia

Il mixer analogico da studio - Lo studio di registrazione

57

13.3. Il mixer analogico da studio

Un mixer è una macchina in grado di radunare una serie di segnali audio di diverso tipo e di convogliarli verso una o più destinazioni comuni. Dunque un mixer possiede una serie di ingressi a cui vengono inoltrati i segnali sonori da manipolare e una serie di uscite verso cui vengono inoltrati i segnali opportunamente miscelati e manipolati.

Schema generico di un mixer
Schema generico di un mixer

Supponiamo di avere un mixer con 24 ingressi, 8 gruppi e 2 main output LR[30].

Con riferimento alla figura precedente possiamo individuare tre sezioni principali: i canali, i gruppi e la sezione master.

13.3.1. I canali

Attraverso i canali (in inglese: channel strip ) il segnale viene prelevato, manipolato e inoltrato verso le destinazioni che vedremo fra poco. In realtà ogni canale del mixer contiene due canali ma per ora facciamo come se ce ne fosse uno solo e occupiamoci di questo.

Schema di un canale del mixer
Schema di un canale del mixer

Un canale può ricevere sia un ingresso di linea che un ingresso microfonico bilanciato [Vedi: Connessioni elettriche bilanciate]. La differenza fondamentale tra questi due segnali risiede nel fatto che un segnale microfonico presenta una tensione molto più bassa di un ingresso di linea[31] e dunque i due ingressi vanno preamplificati in modo diverso [Vedi: Amplificazione]. Vediamo i vari stadi che compongono il canale:

13.3.1.1. Gain

Entrambi gli ingressi, quello di linea e quello microfonico sono dotati di un potenziometro di gain che regola il livello di preamplificazione [Vedi: La catena di amplificazione] del segnale; spesso lo stesso potenziometro pilota i due circuiti di gain. Tramite uno switch selezioniamo il tipo di ingresso (microfonico o linea). Il tasto "flip" in figura permette di invertire il funzionamento della channel strip da modalità recording a modalità mixing che verranno descritte più avanti.

Gain
Gain

13.3.1.2. PAD

Attenuazione: permette di attenuare di una quantità fissata di dB (10, 20, 30 dB) segnali di ingresso eventualmente troppo alti.

13.3.1.3. Invertitore di polarità

Da qui in poi il canale diventa unico. Questo stadio consiste in un invertitore di fase (scambia il polo negativo con quello positivo).

13.3.1.4. Equalizzatore

Equalizzatore parametrico. Per la descrizione di questo dispositivo si rimanda alla sezione dedicata [Vedi: Equalizzatori parametrici].

Equalizzatore parametrico
Equalizzatore parametrico

13.3.1.5. Filtro

Fornisce un filtro passa alto [Vedi: Filtri] che permette di eliminare efficacemente le basse frequenze. L'accensione del filtro è pilotata dal pulsante LOW OUT della sezione EQ. Si noti come l'intero dispositivo sia attivato attraverso il tasto EQ IN.

13.3.1.6. Presa insert

Questa presa in realtà non si trova sul canale vero e proprio ma nelle connessioni posteriori del mixer. Accediamo a questa presa tramite la patchbay [Vedi: La PatchBay] che verrà descritta in una delle successive sezioni. Si tratta in realtà di una coppia di prese attraverso le quali è possibile inserire uno o più effetti in serie secondo lo schema seguente:

Presa insert
Presa insert

Inserendo un connettore all'interno della presa insert out la connessione diretta insert-out/insert-in viene interrotta e il segnale viene fatto passare attraverso i moduli esterni.

13.3.1.7. Auxiliary send

Mandate ausiliarie:

Auxiliary send
Auxiliary send

Questi sono potenziometri che prelevano una copia del segnale dal canale e lo inviano su un apposito bus[32]. Nel nostro mixer di esempio sono stati pensati 4 potenziometri aux send per ogni canale: due pre fader e due post fader . Questo significa che la copia di segnale che viene prelevata da un aux send pre-fader è indipendente dal fader principale del canale mentre quella prelevata post-fader vi dipende. Dunque attraverso gli aux send è possibile creare una serie di mix ausiliari il cui livello complessivo è controllato dai relativi aux send master (che si trovano in un'altra sezione del mixer e che vedremo più avanti [Vedi: Aux send master]). Nelle prossime sezioni verrà descritto nel dettaglio l'uso degli aux send nelle diverse situazioni.

13.3.1.8. Routing matrix

Matrice di instradamento: la sua funzione è quella di instradare il segnale presente sul canale verso i gruppi (group bus , si trovano in un'altra sezione del mixer [Vedi: Gruppi]) o verso il bus stereo L-R [Vedi: Master fader]. Se il nostro mixer ha 8 gruppi, attraverso la matrice di instradamento potremo mandare il segnale presente sul canale su una qualsiasi coppia di gruppi e anche sul mix bus (nel nostro caso: 1-2, 3-4, 5-6, 7-8, L-R).

Matrice di instradamento
Matrice di instradamento

13.3.1.9. Mute

Canale muto: premendo questo bottone il canale viene interrotto. Se per esempio, durante il mixing si ha bisogno di ascoltare la musica del pezzo senza la voce, basta premere il tasto mute sul canale della voce piuttosto che abbassarne il fader, perdendo oltretutto la sua posizione originaria.

Tasto Mute
Tasto Mute

13.3.1.10. Solo

Premendo il solo button , tutti gli altri canali vengono messi in modalità mute (riferendoci all'esempio appena proposto, supponiamo di volere ascoltare durante il mixing solo la voce, premendo il tasto 'solo' sul canale della voce metteremo in mute tutti gli altri canali).

Tasto Solo
Tasto Solo

13.3.1.11. Fader

Cursore: controlla la quantità di segnale che viene inoltrato verso il mix bus o verso i gruppi. Nella figura seguente è possibile distinguere i tasti di instradamento del segnale verso i gruppi o verso il mix bus . Si noti che l'escursione del fader principale è uno standard fissato a 10cm e che tale dimensione è ritenuta un buon compromesso tra precisione, ingombro di spazio e costo del dispositivo.

Fader
Fader

13.3.1.12. Panpot

Panoramic potentiometer / potenziometro panoramico : controlla la percentuale di segnale che viene spedita ad una coppia di bus. Se per esempio il controllo panoramico è ruotato interamente in senso orario e la matrice di instradamento invia il segnale verso la coppia di gruppi 7-8 instraderemo il segnale del canale verso il bus 8. Se il pan viene ruotato interamente in senso antiorario, il segnale sarà inviato al bus 7. Con il controllo panoramico in posizione centrale il segnale verrà equamente distribuito sui bus 7 e 8.

Panpot
Panpot

13.3.1.13. Monitor fader

In studio si ha la necessità di registrare i segnali dunque occorre poter separare i livelli di registrazione da quelli di ascolto. Per questo un mixer da studio racchiude in realtà 2 canali all'interno di ogni canale. Il secondo canale, che prende il nome di canale monitor (monitor path) e che immaginiamo sottostante al canale principale, serve per alimentare il cosiddetto monitor bus . Per ora ci basterà sapere che su ogni canale è presente un altro fader, generalmente più piccolo di quello principale che convoglia il segnale verso un bus diverso sia dai gruppi sia dal mix bus e che prende il nome di monitor bus .

La figura seguente mostra la parte del canale del mixer dedicata al monitor path:

Monitor fader
Monitor fader

Ogni fader di tipo monitor viene sempre accompagnato dal relativo potenziometro panoramico che controlla la percentuale di segnale prelevato dall'ingresso del canale da mandare sui canali Left e Right del monitor bus.

Chiameremo canale principale quello che passa per il fader più grande e canale monitor il nuovo canale appena descritto. Il motivo della presenza di due canali in uno è che un mixer può assumere due stati diversi: "stato di recording" e "stato di mixing". Dai termini usati si capisce a cosa servano i due stati. Ciò che però è importante è che a seconda dello stato in cui si trova il mixer, il canale principale e il canale monitor vengono alimentati da segnali diversi e dunque svolgono funzioni diverse. Vedremo nel dettaglio questo fatto più avanti descrivendo nel dettaglio le fasi di recording e di mixing.

13.3.2. Gruppi

Questi sono dei bus di appoggio che svolgono diverse funzionalità che vedremo nel dettaglio quando illustreremo le fasi di recording e di mixing. Per ora è sufficiente ricordare che il segnale di ogni canale può essere inoltrato, attraverso la matrice di instradamento, verso i gruppi che si hanno a disposizione oppure verso il mix bus. Il segnale presente sul canale monitor invece può essere inoltrato verso il monitor bus.

La figura seguente riassume questa situazione, dove lo stesso canale viene inviato contemporaneamente sia ad una coppia di gruppi sia al master output LR:

Utilizzo dei bus
Utilizzo dei bus

La figura indica che sul canale in questione è stato premuto il testo 1-2 della matrice di instradamento. Questo ha l'effetto di spedire il segnale del canale sui gruppi 1 e 2. Se poi il panpot del canale è ruotato tutto a sinistra (destra) il segnale viene inviato solamente al gruppo 1 (2).

Nella sezione gruppi trovano posto i fader che controllano il livello complessivo di ciascun gruppo. Per ogni fader troviamo un controllo panoramico che permette di scegliere la proporzione di segnale da assegnare al master bus Left e Right.

13.3.3. Master section

Nella master section prendono posto tutti i controlli che modificano il funzionamento generale del mixer:

13.3.3.1. Master fader

Il Master fader controlla il livello di mix bus ossia del bus stereo principale. Possiamo vedere nella figura anche i LED che indicano di volta in volta il livello dei segnali. Per esempio in fase di mixing i LED indicano il livello del segnale presente del mixbus.

Master fader
Master fader

13.3.3.2. Aux send master

L'aux send master si presenta come in figura:

Aux send master
Aux send master

Per ogni aux send presente sul canale del mixer troviamo un relativo aux send master. Ogni aux send master controlla il livello complessivo del bus aux send alimentato dagli aux send dei singoli canali. Ogni bus ausiliario può essere messo in modalità 'solo' e dunque ascoltato separatamente.

13.3.3.3. Aux return master

L'aux return master si presenta come in figura:

Aux return master
Aux return master

Controlla il livello di ritorno dal modulo ausiliario. Quando il segnale presente su uno degli aux send master esce dal mixer, generalmente (anche se non sempre) compie un percorso esterno per poi rientrare nel mixer. Per esempio, per aggiungere un riverbero a una voce, si procede come segue. Si spedisce una copia della voce per esempio sull'aux send 1 e si regola il suo livello di uscita con il controllo aux send master 1. Il segnale che esce dal bus aux send 1 viene inoltrato nel nostro dispositivo riverbero la cui uscita (generalmente stereo) torna nel mixer nell'ingresso aux return 1. Da lì poi può essere instradato verso diverse destinazioni: solo bus, group bus, mix bus, uscita cuffia 1, uscita cuffia 2.

13.3.3.4. Oscillatore

Generalmente i mixer hanno al loro interno un oscillatore in grado di generare diverse forme d'onda a differenti frequenze. Questo componente risulta molto utile per calibrare le apparecchiature dello studio. Viene anche utilizzato per generare dei toni di controllo da registrare nella parte iniziale di un nastro per fornire un riferimento sul livello di registrazione. Indicando infatti il tono (frequenza) registrato e il suo livello (in dB), per esempio 1 KHz a +4dBu, utilizzando il nastro su un'altra macchina sapremo se questa è calibrata esattamente come quella che ha eseguito la registrazione.

13.3.3.5. Controllo del sistema SOLO

Solo master
Solo master

Il sistema SOLO può funzionare in diverse modalità a seconda delle circostanze.

  • SOLO distruttivo (solo in-place ): su tutti gli altri canali viene attivato il mute. L'ascolto viene effettuato dal mix bus e questo implica che un eventuale mixing costruito sul mix bus viene distrutto.

  • SOLO non distruttivo : il canale su cui viene attivato il SOLO viene indirizzato su un ulteriore bus definito come solo bus . L'ascolto viene effettuato da questo bus dunque un eventuale somma di segnali sul mix bus rimane inalterato. Questo tipo di SOLO è generalmente disponibile in due modalità: PFL (pre-fader listen) in cui il segnale presente sul SOLO bus è indipendente dal fader del canale in quanto viene prelevato prima e AFL (after-fader listen) in cui il segnale dipende dal fader del canale in quanto viene prelevato dopo di esso.

13.3.3.6. Talkback

Talkback master
Talkback master

Generalmente comprende un microfono e un interruttore. Il segnale prelevato dal microfono viene instradato verso la sala di ripresa per comunicare con i musicisti (generalmente attraverso gli aux send 1 e 2, come verrà descritto in seguito), oppure sul registratore per registrare indicazioni vocali.

13.3.3.7. Master monitor

Monitor Bus master
Monitor Bus master

Controlla il volume dell'ascolto sui monitor della sala di regia. Come vedremo, nei grandi studi sono presenti diverse coppie di monitor per effettuare ascolti in diverse modalità. In questa sezione sono presenti gli interruttori che permettono di attivare le coppie di monitor desiderate.

13.3.3.8. Status consolle

Permette di cambiare lo stato dell'intero mixer tra stato di recording e stato di mixing. Si trova solo sui grandi mixer.



[30] Con la notazione generica XX:YY:ZZ si identificano le caratteristiche principali di un mixer da studio. XX indica il numero di canali di ingresso. YY indica il numero di gruppi a disposizione. ZZ indica le uscite master. La notazione del nostro mixer di esempio indica che questo possiede 48 canali in ingresso, 24 gruppi e 2 uscite master (Left e Right). Mixer da studio più economici spesso sono di tipo 24:8:2. Alcuni mixer sono predisposti con un'uscita master quadrifonica e dunque vengono identificati dalla notazione XX:YY:4.

[31] Gli ingressi di linea vengono utilizzati per i segnali provenienti da circuiti preamplificati. In altre parole i segnali di linea sono già passati attraverso uno stadio preamplificatore e presentano dunque un voltaggio maggiore. Una seconda differenza riguarda l'adattamento di impedenza per la cui spiegazione si rimanda alla relativa sezione [Vedi: DI Box]

[32] Un bus è un canale dove vengono fatti convergere una serie di segnali. Il bus più importante del mixer è il bus stereo di uscita da cui viene prelevato il segnale risultato del mixing dei segnali presenti sui canali. Altri bus sono per esempio i gruppi (group bus), il solo bus, il monitor bus, che verranno tutti descritti nel seguito.

Licenza Creative Commons
La versione online del Corso Audio Multimediale è distribuita con Licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

Il carrello con i tuoi acquisti

Il carrello è vuoto

Il Corso Audio Multimediale

Acquista la versione FULL PREMIUM

Il CAM Corso Audio Multimediale è disponibile in tanti formati diversi che costituiscono un ECOSISTEMA al fine di offrire una fruizione differenziata su qualsiasi tipo di supporto

Leggi la scheda

Inizia subito il Corso Audio Multimediale

  Da qui è possibile accedere a qualsiasi sezione del corso scorrendo l'indice e cliccando la sezione di interesse.

Leggi la scheda

Scarica la Demo FREE del Corso Audio

Il CAM Corso Audio Multimediale è disponibile online in versione gratuita con alcune limitazioni. L'ECOSISTEMA CAM può essere valutato scaricando la versione demo.

Leggi la scheda

Cos'è Audiosonica

Audiosonica è un sito dedicato all'Ingegneria del Suono. All'interno del sito è disponibile il CAM Corso Audio Multimediale, un corso di Ingegneria del Suono consultabile (con alcune limitazioni) gratuitamente online. La versione senza limitazioni denominata ECO-SISTEMA CAM è disponibile in download a pagamento nei formati html, pdf A4, epub e mobi.

Il corso è adottato in varie forme da molte scuole di tecnica del suono, che sono elencate in una apposita sezione.

Vi sono poi altre sezioni con approfondimenti tecnici e notizie sempre inerenti al mondo dell'ingegneria del suono e anche una sezione dedicata ail'audio professionali con il sistema operativo Linux.

 

Scuole di Tecnica del Suono

Conservatorio di Como - Corso di Elettroacustica 1

Conservatorio di Como - Corso di Elettroacustica 1

More details
CESMA - Corso federale di Tecnico del Suono

CESMA - Corso federale di Tecnico del Suono

More details
Lazio in Scena - Corso di Tecnico del Suono

Lazio in Scena - Corso di Tecnico del Suono

More details
Università Antonina (Libano) - Corso Musica elettronica e ingnegneria del suono

Università Antonina (Libano) - Corso Musica elettronica e ingnegneria del suono

More details
Umbria FilmMovie - Corso di Fonico

Umbria FilmMovie - Corso di Fonico

More details
Fondazione Musicale Città di Gorizia - Corso di Nuove Tecnologie

Fondazione Musicale Città di Gorizia - Corso di Nuove Tecnologie

More details
École Française d'Audiovisuel - Corso di Tecnico del suono live

École Française d'Audiovisuel - Corso di Tecnico del suono live

More details
Conservatorio di Catelfranco Veneto - Triennio di Musica Elettronica

Conservatorio di Catelfranco Veneto - Triennio di Musica Elettronica

More details
Labella Studio - Corso di Tecnico del suono

Labella Studio - Corso di Tecnico del suono

More details
Conservatorio di Torino - Corso di Tecnologie e tecniche della ripresa e registrazione audio

Conservatorio di Torino - Corso di Tecnologie e tecniche della ripresa e registrazione audio

More details
Conservatorio di Avellino - Corsi di Tecnico di sala di registrazione

Conservatorio di Avellino - Corsi di Tecnico di sala di registrazione

More details
Università di Catania - Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Audio Mixing

Università di Catania - Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Audio Mixing

More details
Möllenkramer Training - Corsi di suono e dell'acustica

Möllenkramer Training - Corsi di suono e dell'acustica

More details
NUCT - Scuola Internazionale Cinema e Televisione - Corso di Tecnica del suono

NUCT - Scuola Internazionale Cinema e Televisione - Corso di Tecnica del suono

More details
NUT Studio - Corso per Produttori di Musica Elettronica e Live Performer

NUT Studio - Corso per Produttori di Musica Elettronica e Live Performer

More details

logo audiosonica footer

© 2020 Audiosonica. Tutti i diritti riservati. Sito web realizzato Audiosonica Multimedia

Search